EcoMagazine

No al nuovo stabilimento Alce a Fornoli: decine di camion in più ogni giorno sul Viale Europa

Sinistra per Capannori contro autorizzazione provinciale stabilimento Alce a Fornoli: conseguenze negative sul traffico per il Viale Europa

Incomprensibili e lontano da ogni logica di sostenibilità ambientale la decisione della Provincia di Lucca di autorizzare l’enorme impianto di biomasse a Fornoli. La realizzazione dell’impianto comporterà un aggravio della qualità dell’aria e un pesante aumento di trasporto su gomme con conseguenze negative anche sulla viabilità della Piana. Da anni il Comune di Capannori chiede alla Provincia interventi per alleggerire la viabilità sul Viale Europa. Mancati provvedimenti a livello governativo e provinciale hanno spinto il Comune a varare una difficile ma ormai necessaria ordinanza per limitare l’eccessivo traffico pesante che paralizzava
l’arteria stradale. Questo nuovo stabilimento rischia di peggiorare ulteriormente la situazione e appare ancor più fuori luogo dopo le nuove importanti misure di Capannori sul Viale Europa.

Per il solo approvvigionamento della biomassa allo stabilimento ALCE di Fornoli le quantità di mezzi e di merci che potenzialmente possono transitare da Capannori su Viale Europa sono le seguenti:
100100 ton/anno: totale  in  massa  della  biomassa  potenzialmente transitante  dal casello autostradale di Capannori e/o lungo Viale Europa
6673: nr. mezzi/anno potenzialmente transitanti da Capannori lungo Viale Europa
40: nr. mezzi/giorno potenzialmente transitanti da Capannori lungo Viale Europa
La logistica associata a tali movimentazioni giustificherebbe la riattivazione del tronchetto ferroviario attiguo all’impianto, in conformità anche alle prescrizioni del vigente P.S. di Bagni di Lucca, come da eccezione sollevata da Legambiente in Provincia e ribadita anche in sede di ricorso al TAR.

Questa logica di grandi impianti energetici contrasta con una visione legata all’approvvigionamento
energetico sostenibile con di piccoli impianti da fonti rinnovabili disseminati sul territorio
provinciale che un serio Piano Energetico avrebbe pianificato e su cui invece la Provincia di Lucca
sta latitando ormai da anni.

Sinistra per Capannori

Lascia un commento