Cialde del caffè non riciclabili: Capannori chiama Lavazza risponde!

Dopo la Lettera di Capannori alla Lavazza sul problema delle cialde del caffè monouso non reciclabili, dopo il servizio di Repubblica e della trasmissione radiofonica Caterpillar, Lavazza risponde e organizza un incontro.

capsule_lavazzaCAPSULE DA CAFFE’ ‘USA E GETTA’:  LA LETTERA APERTA ALLA LAVAZZA DA’ I PRIMI RISULTATI.

Presto potrebbe nascere anche il caffè ‘ecologico’.   La lettera aperta che alcune settimane fa il Centro di Ricerca Rifiuti Zero del Comune di Capannori ha inviato alla Lavazza con la richiesta di avviare un confronto per la ‘riprogettazione’ delle capsule di caffè ‘usa e getta’, che attualmente non sono riciclabili, sembra infatti dare i primi risultati.
Presto gli amministratori capannoresi e i rappresentanti del team del centro di ricerca sui rifiuti che ha compiuto lo studio sulle capsule, coordinato da Rossano Ecolini, potrebbero incontrarsi con l’Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (Aiipa) di cui fa parte anche la Lavazza, nella sede dell’Innovation Center di Torino realizzato dalla Lavazza  come centro nevralgico dei tutte le sue attività di ricerca, in primis la ricerca ambientale. L’importante azienda torinese ha accolto con grande disponibilità la sollecitazione giunta da Capannori con una lettera indirizzata al sindaco, Giorgio Del Ghingaro, all’assessore all’ambiente Alessio Ciacci e a Rossano Ercolini.
Proprio l’Aiipa infatti, che rappresenta il gruppo merceologico chiamato in causa da Capannori e quindi anche altre aziende del comparto caffè, ha creato un gruppo di lavoro su questi temi da tempo impegnato, così come la stessa Lavazza, sul fronte della ricerca di innovazioni tecnologiche che riducano sensibilmente l’impatto ambientale di tutti i materiali di imballaggi e quindi anche delle capsule in questione.
“Sarebbe  un’opportunità davvero molto importante per l’amministrazione comunale e per tutta la nostra comunità, che con così tanto impegno ha collaborato all’ottima riuscita della raccolta ‘porta a porta’ e alla riduzione dei rifiuti – commenta il sindaco, Giorgio Del Ghingaro -. Il nostro centro di ricerca sta continuando a lavorare su questa questione e alcuni giorni fa il responsabile internazionale della strategia ‘Rifiuti Zero’ Paul Connet è venuto a Capannori proprio per darci il suo prezioso e imprenscindibile contributo. Nel ringraziare la Lavazza per la disponibilità dimostrata, ci auguriamo quindi  di poter incontrare  quanto prima l’Aiipa e che possa nascere una collaborazione proficua  per la salvaguardia dell’ambiente e la qualità della vita di tutti noi”.

Il ‘caso studio’
Da alcuni mesi con l’istituzione del Centro di Ricerca rifiuti zero coordinato da Rossano Ercolini l’azione dell’amministrazione comunale di Capannori  si sta concentrando sul rifiuto residuo, quello cioè non differenziabile proprio come le capsule del caffè, sulle quali il centro ha realizzato un ‘caso studio’ dal quale emerge che ogni anno in Italia si consuma 1 miliardo di capsule da caffè ‘usa e getta’ (il 10 % di quante ne  vengono consumate nel mondo) e che a Capannori, ipotizzando che rientri nella media nazionale, ogni anno se ne  consumano 750 mila, corrispondenti a 9 tonnellate di rifiuto indifferenziato.
Per realizzare un chilogrammo di capsule di caffè  usa e getta occorrono 4 kg di acqua, 2 kg di petrolio e 22 Kw di energia elettrica”.

Nessun coimmento

Trackbacks/Pingbacks

  1. Ciacci Magazine » Blog Archive » Peregrinare utopico del 4 febbraio, la politica attenta all’ambiente, alla partecipazione e…..ai risultati! - [...] Cialde del caffè non riciclabili: Capannori chiama Lavazza risponde! [...]

Lascia un commento