Poca raccolta differenziata: la Corte dei Conti condanna gli examministratori al risarcimento

Corte dei ContiLa Corte dei Conti ha emesso la sentenza nei confronti degli amministratori di Recco che non avevano raggiunto le percentuali di differenziata indicate dalla Comunità Europea. L’ex sindaco Gian Luca Buccilli e l’ex assessore all’Ambiente Stefano Bersanetti sono stati condannati a risarcire un danno erariale di 52.000 euro; Il sindaco Dario Capurro e l’assessore all’Ambiente Franco Senarega di 21.000 euro e il funzionario Canovi di 36.000 euro.
La Procura aveva chiesto complessivamente il pagamento di un danno erariale di quasi 1.400.000 euro.
La procura contabile aveva citato a giudizio gli amministratori per il mancato rispetto delle percentuali di raccolta differenziata dei rifiuti del comune per gli anni che vanno dal 2006 al 2010.
Secondo il procuratore generale, gli amministratori e il dirigente comunale non avrebbero “posto in essere tutti i provvedimenti necessari nei confronti della ditta Amiu perché la stessa rispettasse il contratto e svolgesse i servizi nel rispetto di tutte le leggi vigenti, quindi anche quello di raggiugere le percentuali di raccolta differenziata previste”. Per l’accusa, infatti “maggiore erano i versamenti in discarica, maggiori erano gli introiti per l’Amiu”.

Nessun coimmento

Trackbacks/Pingbacks

  1. A Bari si rifiuta la differenziata? | Bari Bene Comune - [...] La Corte dei Conti sanziona gli amministratori pubblici che non fanno la [...]

Lascia un commento